BP Logo
Page header image

PSD2 - Open Banking

Dal 14 settembre 2019 trova piena applicazione la Direttiva (UE) 2015/2366 sui servizi di pagamento, meglio conosciuta come PSD2 - Payment Services Directive.
La direttiva nasce con l’obiettivo di promuovere l’innovazione e lo sviluppo dei digital payments, aumentare la protezione e la sicurezza degli utenti nei servizi di pagamento online e favorire più alti livelli di concorrenza all’interno del mercato dei pagamenti.

Terze Parti

Tra le principali novità introdotte dalla PSD2, particolare rilievo assumono le disposizioni dirette a consentire alle c.d. “Terze Parti” (Third Party Providers - TPP) di fornire dei servizi nell'ambito dei pagamenti via internet, agendo su conti correnti online previa autorizzazione del titolare del conto stesso.
Le Terze Parti possono assumere i seguenti ruoli:
  • Prestatore di Servizi Dispositivi (Payment Initiation Service Providers o PISP), soggetto terzo che, su espressa autorizzazione del Cliente ad accedere al proprio conto online attivo presso un altro istituto, offrono la possibilità di avviare un’operazione di pagamento direttamente dal proprio conto corrente senza l’utilizzo di una carta di credito (ad esempio per l’acquisto di beni o servizi tramite internet);

  • Prestatore di Servizi Informativi sui Conti (Account Information Service Provider o AISP), soggetto terzo che, su espressa autorizzazione dei Clienti che hanno conti di pagamento accessibili online, offrono la possibilità di aggregare le informazioni dei propri conti in un unico strumento;

  • Prestatore di Servizi di Pagamento basati su carta (Card Issuer Service Providers o CISP), soggetto terzo che, su espressa autorizzazione del Cliente, offre servizi di pagamento basati su carta e che permette di scegliere, di volta in volta, il conto corrente di addebito (anche in essere presso una banca diversa da quella che ha emesso la carta). I CISP non detengono direttamente fondi dei clienti, ma possono interrogare preventivamente la banca presso cui il conto è attivo, per verificare la disponibilità dei fondi oggetto della transazione disposta dall’utente.

  • Su espressa autorizzazione del Cliente, le Terze Parti possono, quindi, recuperare i dati del Cliente e farglieli visualizzare su altri applicativi digitali, differenti da quelli messi a disposizione dalla Banca.
    È libera facoltà del Cliente avvalersi delle Terze Parti; non sussistono, infatti, obblighi di fruirne. In qualsiasi momento, il Cliente può decidere se mantenere o revocare l’autorizzazione concessa.

    Open Banking e API

    Ai fini delle operazioni connesse alla PSD2, Banca Progetto mette a disposizione delle Terze Parti autorizzate un’interfaccia dedicata, fornita da Cedacri Group S.p.A. unitamente ad un ambiente online di test dove le Terze Parti medesime possono verificare il funzionamento di tale interfaccia.
    In particolare, le Terze Parti interessate possono collegarsi a questo link e simulare online le operazioni di accesso ai conti.
    Allo stesso indirizzo è, inoltre, disponibile la documentazione contenente le specifiche tecniche sui servizi e sugli standard API.

    Statistiche

    Banca Progetto pubblica ogni trimestre le statistiche contenenti i KPI calcolati su base giornaliera relativi sia all’interfaccia dedicata (KPI Terze Parti) che all’interfaccia fornita ai clienti per accedere direttamente ai propri conti di pagamento online (KPI Nextgen).
    Riguardo quest’ultima, si evidenzia che le statistiche ricomprendono anche gli accessi ai conti deposito online, che non costituiscono conti di pagamento.

    Legenda

    2024

    KPI Terze Parti

    KPI Nextgen

    Logo Banca Progetto Footer
    LinkedIn IconTwitter IconFaceBook IconInstagram Icon

    Agenzie Convenzionate

    Careers

    Consulta le posizioni aperte

    Candidatura spontanea

    FAQ e assistenza

    Contatti

    Sicurezza

    Trasparenza

    Reclami

    Disclaimer

    Privacy Policy

    Cookie Policy

    PSD2 - Open Banking

    Whistleblowing

    Accessibilità

    2022 Banca Progetto S.p.A. – Sede legale e Direzione Generale in Milano, Via Bocchetto, 6, 20123 Codice fiscale, Partita IVA e Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano 02261070136 – Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, al Fondo Nazionale di Garanzia e all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) – Iscritta all’Albo delle Banche al n. 5332 – Cod. ABI 5015 Capitale Sociale € 10.404.418,17 i.v.